« Back The taste of joy - Scrambler Ducati

#terryNesti

FORMAZIONE CLIENTE MANIFATTURE SIGARO TOSCANO
Se Dovessi descriverti in due righe, come ti presenteresti?
Mi chiamo Terry Nesti e sono il Responsabile Formazione Cliente di Manifatture Sigaro Toscano; in quindici anni di lavoro, sono entrato in azienda nel 2000, ho percorso l'Italia in lungo e in largo con alcune tappe anche all'estero. Ho visto città, paesi, tanti hotel e tante arene fieristiche. Organizzo per lavoro 450/500 giornate di evento, in luoghi sempre diversi che mi mettono a contatto con diverse realtà, con cucine eterogenee.

Raccontaci che cosa vuol dire per te essere Scrambler.
Significa avere la forza di cambiare per rimanere sé stessi. Io l’ho fatto, a modo mio. “C'è solo la strada su cui puoi contare la strada è l'unica salvezza. C'è solo la voglia e il bisogno di uscire di esporsi nella strada e nella piazza." Così cantava Giorgio Gaber diversi anni or sono. La strada fa parte della mia storia, chilometri percorsi in auto, in treno e in aereo, soprattutto per lavoro, e in moto, soprattutto per piacere. Il mio letto cambia spesso durante l'anno, costretto dal lavoro, ma non disdegno di viaggiare per piacere, per ritrovar esperienze gastronomiche sempre diverse, possibilità che si esprimono dietro ogni curva del nostro bel paese. Sono stato vicecampione mondiale di divano professionista per anni (vice perché era troppo faticoso provare a vincere), poi a trentanove anni qualcosa ė cambiato, ho deciso che solo mangiare e bere era troppo anche per me, che 92 kg per 1,75 scarsi erano troppi ed ho incontrato il podismo. Adesso con 20 kg meno continuo a mangiare e bere, ma so di potermelo permettere senza pagare troppo dazio. Tutto questo però è andato a discapito della moto, meno occasioni di usarla, meno viaggi in sella, praticamente più km a corsa che in moto. L'occasione di salire su una Ducati Scambler, la versione Full throtlle, mi ha riaperto gli occhi sul senso di libertà, sul senso di piacere che si può gustare in una gita fuori porta, in una pausa dal barbiere e persino in un gelato gustato con la fidanzata. La moto è piacevole e divertente, facile ma non arrendevole e soprattutto di carattere.

Quali sono i tuoi itinerari preferiti da fare in moto?
L'ideale per una gita al lago, nella fattispecie il bacino artificiale di Suviana ed anche per gustare quel magnifico street food chiamato crescenta fritta (o gnocco che dir si voglia) che abilmente viene cucinato presso il  ristorante la Spiaggetta. Morbide e friabili offrono la miglior versione di sé nell'abbinamento con rucola, prosciutto e squacquerone. Le crescente sono due soffici rettangoli di pasta fritta sommati l'uno sull'altro per contenere il ripieno scelto, un piatto semplice, forse non particolarmente estivo ma che qui, al confine fra la Toscana e l'Emilia ha sempre avuto un gran successo. È il piatto che ci vuole dopo una bella gita in moto sui tornanti che da Taviano vanno verso Badi, meta amata da tutti i motociclisti della zona.

Taste of Joy: quali sono i luoghi di street food ( ristoranti, chioschi, pub, agriturismi ) di cui non puoi fare a meno?
La Spiaggetta a Camugnano (Bo) sul Lago di Suviana.

Condividi la storia su:

leggi le altre storie